100.000 euro per la cultura, ora tocca a voi! #cheFare

By staff 5 anni agoNo Comments
Home  /  Cultura  /  100.000 euro per la cultura, ora tocca a voi! #cheFare
che-fare-logo-fb2

cheFare, il bando che premia con 100.000 euro il miglior progetto culturale di innovazione sociale, entra nella fase più calda: il voto on-line dei 40 progetti selezionati.

Dopo la call, che ha visto arrivare più di 600 progetti, e dopo la prima selezione ad opera di una squadra di esperti composta dai partner di cheFare, sono stati selezionati i 40 progetti che verranno presentati sul sito www.che-fare.com per essere votati dal pubblico. Per farlo ci sono due mesi di tempo, fino al 13 marzo.

Le regole sono quelle dello scorso anno: si può votare lo stesso progetto una volta sola ma si possono votare tutti i progetti che si ritengono validi. In questi due mesi di tempo i proponenti avranno la possibilità di auto-narrarsi attraverso l’uso della piattaforma per l’informazione partecipativa Timu.

Lo scopo è quello permettere ai 40 progetti selezionati di farsi conoscere e apprezzare dalle comunità e da tutti coloro che li riterranno importanti. Ed è questo probabilmente l’aspetto più importante di tutto il progetto: permettere a delle esperienze di valore di farsi conoscere, di mettersi in rete, puntando a rafforzarle.

La selezione, a cui abbiamo partecipato, ha seguito un solo criterio, far emergere le proposte che meglio rispondono alle caratteristiche ricercate: collaborazione e co-produzione; innovazione; scalabilità e riproducibilità; sostenibilità economica nel tempo; equità economica e contrattuale; impatto sociale positivo; tecnologie opensource e impiego di licenze Creative Commons; capacità di comunicazione.

Ora tutti possono verificare in modo trasparente la qualità delle proposte presentate.

Per quanto ci riguarda, possiamo dire che in media la qualità dei progetti è aumentato considerevolmente: un chiaro segnale che in Italia l’innovazione sociale e l’economia della condivisione stanno conoscendo un’effervescenza senza precedenti. Una effervescenza che speriamo generi gli impatti positivi che promette.

I progetti presentati riguardano le nuove forme di fruizione della cultura, gli spazi collaborativi, la rigenerazione urbana a scopo culturale, l’utilizzo inedito di risorse comuni, di spazi e di servizi classici (musei, teatri, cinema), le tecnologie digitali innovative. Cercano di dare nuove risposte a bisogni antichi e di interpretare bisogni emergenti. Sarà interessante vederli alla prova.

Gli 8 progetti che riceveranno più voti saranno valutati successivamente da una giuria (composta da Paola Dubini Economista, Università Bocconi di Milano; Gustavo Pietropolli Charmet Psichiatra, psicanalista e docente; Eliana Di Caro Redattore delle pagine cultura e sviluppo della Domenica; Christian Raimo Scrittore, giornalista e blogger; Ivana Pais Sociologa, Università Cattolica di Milano) che decreterà il vincitore del bando (il 3 aprile 2014). Sarete voi a decidere chi arriverà alla fase finale per cui.. fate buon uso dei vostri voti!

__________________

cheFare è un progetto di doppiozero ed è co-prodotto in collaborazione con: Avanzi – Sostenibilità per Azioni, Fondazione <Ahref, Fondazione Fitzcarraldo, Tafter, Societing, Lìberos

Media partner: Domenica – Il Sole 24 ore, Vita

Con il patrocinio della Regione Puglia – Assessorato alle Politiche Giovanili e Bollenti Spiriti e la collaborazione di Enel.

Link e contatti:

www.che-fare.com
Video Vimeo: http://vimeo.com/77795294
Facebook: PremioCheFare
Twitter: @che_fare

Category:
  Cultura
this post was shared 0 times
 000

Leave a Reply